Oggi, Venerdì, 04 Dic 2020
Mappa del sito:     Home Lavoro INCENTIVI ASSUNZIONI CIRCOLARE INPS 124/2020
INCENTIVI ASSUNZIONI CIRCOLARE INPS 124/2020 PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandro Ingrosso   
Martedì 10 Novembre 2020 16:36

INCENTIVI ASSUNZIONI CIRCOLARE INPS 124/2020

 

Datori di lavoro che possono accedere al beneficio Possono accedere al beneficio in trattazione tutti i datori di lavoro privati, anche non imprenditori, che assumano lavoratori disoccupati.

Lavoratori per i quali spetta l’incentivo L’incentivo in esame spetta per l’assunzione di persone disoccupate ai sensi dell’articolo 19 del D.lgs n. 150/2015, ossia di soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all’articolo 13 del medesimo decreto, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione a misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego.


Rapporti incentivati L’incentivo, può essere riconosciuto, ferma restando la disponibilità delle risorse, per le assunzioni effettuate a tempo indeterminato tra il 1° gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020. Le assunzioni devono
apportare un aumento netto del numero dei dipendenti. 


Assetto e misura dell’incentivo L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per un importo massimo di 8.060,00 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per dodici mensilità a partire dalla data di assunzione. 


Condizioni di spettanza dell’incentivo
Il diritto alla fruizione dell’incentivo è subordinato alle seguenti condizioni:
- rispetto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 1175, della legge n. 296/2006, ossia:
- regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale, ai sensi della normativa in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC);
- assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;
- rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale